Altre News

Sabatini spiega il suo addio alla Salernitana: “È nato da un equivoco su Coulibaly. Iervolino? Sapeva”

“Una triste fine per un’avventura che ci ha fatto esplodere di gioia”

Photo LiveMedia/Lisa Guglielmi Empoli, Italy, May 14, 2022, italian soccer Serie A match Empoli FC vs US Salernitana Image shows: Walter Sabatini (sports director of US Salernitana) LiveMedia – World Copyright

Scrive TMW, “Una triste fine per un’avventura che ci ha fatto esplodere di gioia. È stata imbrattata una tela del Caravaggio, ma non è certo qualche schizzo di fango sulla tela che può sminuire un’opera d’arte”. Musica e parole di Walter Sabatini, fresco di divorzio con la Salernitana a causa di una lite con il presidente Danilo Iervolino. L’ormai ex direttore sportivo granata torna sulla vicenda e racconta la verità sulla separazione in un’intervista al Corriere della Sera:

“È tutto figlio di un equivoco. Nel caso di Coulibaly, assurto agli onori delle cronache, rifarei cento volte tutto. Ho solo cercato di difendere un patrimonio della Salernitana, messo a repentaglio da una clausola secondo cui il ragazzo poteva liberarsi a 20mila euro in B e a 1,7 milioni in A: un accordo che ovviamente non avevo fatto io. Il presidente — perfettamente al corrente di tutto, come l’ad Milan — mi ha dato mandato di risolvere la questione perché non voleva assolutamente perdere il giocatore, e io mi sono limitato a trasferirgli le richieste degli agenti. Stava a lui decidere se accettarle o se perdere Coulibaly. In passato, sul tema delle commissioni ho fatto battaglie di principio, nobilissime ma alla fine anche dannose”.

LEGGI ANCHE, La giovane Italia non basta: a Bologna finisce 1-1 contro la Germania

Salernitana News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right