Approfondimenti

Bremer sulle orme di Chiellini: il brasiliano prende un’ammonizione ogni 9 falli fatti. 48% di contrasti vinti

Per un 3 che va, c’è un 3 che arriva. Numeri a confronto, l’analisi sui due difensori

Fonte Foto: Profilo Instagram Juventus

Per un 3 che va, c’è un 3 che arriva. Questo è quanto è avvenuto in casa Juventus, alla corte di Massimiliano Allegri. L’ex capitano Giorgio Chiellini, considerata chiusa la sua avventura in bianconero, è sbarcato negli Stati Uniti, ai Los Angeles Galaxy, in MLS. Una nuova esperienza, prima di tornare all’ombra della Mole, con un ruolo da dirigente per “studiare” la Juventus del futuro. “Dirigente? Sono pronto a fare anche altri ruoli sempre nel campo, mentalmente sarei ponto a fare il dirigente”, queste le parole di Chiellini a Radio Rai.

Gleison Bremer, considerato se così vogliamo dire un “traditore” dalla sponda granata di Torino, è arrivato alla Juve per ereditare quel posto lasciato vuoto dalla “leggenda bianconera”. Il brasiliano infatti, che ha un assoluto rispetto nei confronti di Chiellini, l’ha addirittura chiamato, come lui stesso ha rivelato in sala stampa, chiedendogli il permesso di indossare la maglia numero 3 da lui lasciata libera. “Prima di prendere questa decisione ho parlato con Chiellini, mi ha dato dei consigli. Lui è un idolo, uno dei migliori difensori italiani, mi ha detto di non lasciarmi condizionare. Gli ho anche chiesto se potevo prendere la 3 e mi ha detto che non c’era alcun problema“, così si è presentato il brasiliano.

Un nuovo padrone dunque per quella divisa, un giocatore che ha già fatto vedere il suo importante valore al Torino la passata stagione, attirando tutte le big del calcio italiano. Ma alla fine, la Juve ed il suo appeal, la sua storia, l’ha spuntata su tutte le altre pretendenti. Bremer gioca, non solo per trasformare la difesa bianconera in una vera e propria muraglia, ma anche per conquistare, in pianta stabile, una maglia da titolare nella prestigiosa compagine verdeoro. Il Mondiale è sempre più vicino, e questa prima parte del campionato, Bremer dovrà dare il massimo per il sogno di partecipare al Mondiale in Qatar da protagonista.

Fonte Foto: Profilo Instagram Juventus

Bremer VS Chiellini: numeri a confronto

Chiellini l’anno scorso ha giocato 21 partite, l’ex capitano bianconero ha collezionato il 59% di successo nei contrasti, 66% di duelli vinti, 64% invece per i duelli aerei. Per quanto riguarda la direzione del passaggio, Chiellini per il 41% ha effettuato passaggi alla sua destra, per il 36% in avanti. 83% di successo nei passaggi, 48% in quelli lunghi. 15 i falli fatti dall’italiano, 2 i cartellini gialli (un’ammonizione ogni 7 falli fatti).

Bremer invece la passata stagione con indosso la maglia granata ha giocato 33 partite e segnato 3 reti. L’ex capitano del Torino ha fatto suoi il 48% dei contrasti, 50% di successo nei duelli, 46% in quelli aerei. A differenza di Chiellini, il brasiliano preferisce allargare il pallone alla sua sinistra (33%). 81% di successo nei passaggi, 42% in quelli lunghi. 66 i falli fatti dal nazionale verdeoro, 7 i cartellini gialli presi (un’ammonizione ogni 9 falli fatti).

LEGGI ANCHE, Bajrami-Barak: qual è la mezzala ideale per la Fiorentina? Il ceco il migliore per percentuale realizzativa

Juventus News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right