Altre News

De Laurentiis: “Napoli più veloce di tutti sul mercato, curiamo l’aspetto psicologico. Il calcio è come il cinema”

“Durante l’estate ho parlato con i miei collaboratori di grandi decisioni da prendere e di come cambiare la squadra, acquistare giocatori nuovi”

Fonte Foto: Profilo Instagram De Laurentiis

Scrive il Corriere dello Sport, c’è curiosità in Inghilterra per lo splendido Napoli ammirato nelle prime partite di Champions League e salito subito alla ribalta europea. Il presidente del club azzurro Aurelio De Laurentiis al Telegraph ha spiegato il lavoro fatto in estate per mettere a disposizione di Luciano Spalletti la squadra migliore possibile.

Durante l’estate ho parlato con i miei collaboratori di grandi decisioni da prendere e di come cambiare la squadra, acquistare giocatori nuovi. Abbiamo preso calciatori che seguivamo da anni, siamo stati fortunati ma nelle trattative siamo stati anche più intelligenti e veloci rispetto alla concorrenza – ha spiegato il patron del club campano -. Fummo già bravi nell’individuare calciatori che sono già qui oltre all’allenatore“. De Laurentiis ha espresso la sua contrarietà per le tournée all’estero: “Se devo giocare contro squadre importanti, voglio giocare dove facciamo il ritiro, in Italia in montagna a 1.200 m. Quando alleni molto bene le persone, i risultati arrivano“. Decisivo anche l’aspetto psicologico: “Curiamo anche l’aspetto psicologico delle persone, non solo quello fisico. Quando devi allestire una squadra, devi dosare psicologia e aspetto fisico e devi creare il gruppo perché da solo non vince nessuno“.

Il calcio è come il cinema, il mio primo lavoro è l’intrattenimento da 55 anni – ha illustrato la sua filosofia De Laurentiis -. Ho sempre pensato di divertire, quando ho iniziato a interessarmi di calcio. Quando facciamo un film è necessario avere idee e una sceneggiatura, due anni di lavoro per accontentare il pubblico. Anche nel calcio hai un obbligo nei confronti dello spettatore“. 

LEGGI ANCHE, Prime Video: Ibrahimovic, il ritiro non è da escludere: dicembre mese decisivo