Altre News

Sportmediaset: procuratore capo dell’AIA D’Onofrio arrestato per narcotraffico

Fonte Foto: Gazzetta.it

Scrive Sportmediaset, il procuratore capo dell’Aia Rosario D’Onofrio è tra i 42 arrestati nell’operazione di due giorni fa della Guardia di Finanza nell’ambito di un’indagine della Dda milanese che ha portato a smantellare un traffico di stupefacenti tra Italia e Spagna. D’Onofrio, divenuto responsabile sotto la presidenza Nicchi dell’ufficio che indaga su eventuali irregolarità degli arbitri, ha presentato le dimissioni all’Aia nelle ore immediatamente successive all’operazione. L’Aia – si sottolinea sempre in ambienti arbitrali – nella vicenda è parte lesa.

“Era in gamba di brutto… Sapeva cosa faceva”, disse di D’Onofrio, ex ufficiale dell’esercito, Daniele Giannetto, uno dei capi dell’organizzazione criminale in cui D’Onofrio, come emerge dall’ordinanza del gip Massimo Baraldo, era inserito. Come è stato ricostruito sarebbe stata “la persona incaricata (…) anche di organizzare la parte logistica delle importazioni di stupefacente e tra queste attività, (…) di reperire luoghi ove poter effettuare lo scarico “in sicurezza ” dei bancali all’interno dei quali era contenuto lo stupefacente”.

D’Onofrio, al quale è stato contestato il reato di associazione per delinquere, per il giudice “deve essere applicata la misura della custodia in carcere, tenuto conto della sua incondizionata disponibilità a effettuare quotidiani ‘servizi’ di consegne o riscossione di denaro e della pericolosità sociale” dovuta agli “inescusabili comportamenti in concreto tenuti nel periodo del lockdown, durante il quale lo stesso con la divisa militare circolava per la Lombardia per effettuare consegne di sostanza stupefacente o per recarsi a Milano a versare il denaro provento dello spaccio a cittadini cinesi affinché trasferissero illegalmente tali somme in Spagna”.

LEGGI ANCHE, Cassano: “Se fossi nella società direi a Mourinho devi andare a casa. Non dice mai la mia squadra fa ca***e”