Altre News

Sampdoria, Lanna tuona contro Ferrero: “Non sono un suo uomo. Potevo andarmene a giugno, ma sono rimasto per senso di responsabilità”

L’intervista fiume del presidente della Sampdoria dopo le dichiarazioni di Ferrero

Photo LiveMedia/Danilo Vigo Genova, Italy, October 17, 2022, italian soccer Serie A match UC Sampdoria vs AS Roma Image shows: M;arco Lanna President UC Sampdoria LiveMedia – World Copyright

Il presidente della Sampdoria Lanna ha risposto all’intervista di Ferrero sfogandosi sulle pagine di La Repubblica e Il Secolo XIX: “Non mi ha messo lui alla presidenza. Io non sono un uomo di Ferrero, sino a un mese fa, quando ci siamo incontrati a Milano, manco lo conoscevo. Non lo sono e non lo sarò mai. Ho letto tante inesattezze nell’intervista di Ferrero. Da chi mi ha contattato. Da chi mi ha scelto. Poi è chiaro, la proprietà del club, quindi la famiglia Ferrero tramite il legale Tognozzi hanno dovuto approvare la nomina mia e di tutto il CdA, credo sia un atto dovuto per legge. Non vorrei mettermi al suo livello. Sono molte le cose non vere, a cui vorrei ribattere. Dice che non capisce come faccio a sorridere, a essere sereno, in un momento per la Sampdoria così difficile. Mi chiede se sono consapevole, mi dà dell’attore. Purtroppo sono conscio delle difficoltà, che ci sono sempre state, sin dal nostro arrivo lo scorso dicembre. Ci era stato chiesto di restare sino a giugno per salvare la squadra sul campo e dal fallimento, per salvaguardare gli asset. Lo abbiamo fatto e quando il nostro compito si era esaurito avremmo potuto andarcene. Invece siamo rimasti per spirito di servizio e perché c’era la trattativa per la cessione della società con Cerberus. A ottobre di nuovo: si è presentato allo stadio con la Roma e abbiamo pensato che fosse giusto dimettersi. Ma di nuovo, per spirito di servizio, consapevoli che la decadenza del CdA porterebbe al fallimento siamo rimasti. Allora dissi una cosa che ribadisco ora: se non ho autonomia decisionale, sono pronto a farmi da parte. Vuole tornare? Il futuro non lo conosco e non lo commento ma le conseguenze sono chiare. Perché io per la Sampdoria soffro altro che ridere. Ha avuto un malore dopo il Torino? Io, anche per lo stress, a febbraio sono stato operato di cistifellea“. Sulla stretta di mano durante la partita con la Roma: “La mano per educazione non la nego a nessuno. Ma io con lui non c’entro nulla. A proposito: afferma di aver avvertito prima, quando è comparso a Marassi. Io l’ho saputo da una telefonata, quando era già dentro lo stadio. Mercato? Qualcosa faremo ma abbiamo tanti paletti e non è un segreto. Possiamo comprare sei giocatori? No. Comprare a oggi nemmeno uno, ha concluso Lanna

Fonte: Sportmediaset

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Casini: “L’interesse pubblico giustifica l’intervento dello Stato. Il calcio è il fenomeno pubblico per eccellenza. Com’è possibile che in un settore così ricco ci sia così poca competenza?”

Sampdoria News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right