Altre News

Pioli: “Parlo perché devo; adesso si deve stare in silenzio e lavorare”

Stefano Pioli ai microfoni di Dazn nel post partita di Lazio Milan è intervenuto sull’attuale situazione rossonera

Pioli
Photo LiveMedia/Luigi Canu Cagliari, Italy, March 19, 2022, italian soccer Serie A match Cagliari Calcio vs AC Milan Image shows: Stefano Pioli Mister of AC Milan LiveMedia – World Copyright

“Dobbiamo tornare velocemente a Milanello a lavorare e a lavorare bene, non stiamo giocando secondo le nostre possibilità”. Parole e pensieri di Stefano Pioli, allenatore del Milan che ai microfoni di ‘DAZN’ ha commentato Lazio-Milan 4-0. “In questo momento sono tante le cose che non funzionano, aspetto mentale e tattico. Sono qui a parlare perché devo, bisognerebbe star zitti e lavorare. Sicuramente meglio”.

E’ il momento più basso dalla gara persa contro l’Atalanta con 5 gol della Dea?
Sì, è un momento delicato. In 20 giorni non abbiamo portato a casa né buone prestazioni, né risultati”.

Cosa ti preoccupa di più?
“Le cose non ci vengono bene, questo è sicuro. Il problema in questo momento non è troppo con la palla: lo è anche lì, certo, ma senza palla non ci sono coperture e lasciamo troppi spazi. Dobbiamo solo lavorare. Sui primi due gol che subiamo non è una questione di distanza, abbiamo sbagliato le letture. La squadra deve essere più compatta, attenta e collaborativa. Continuare a commettere questi errori vuol dire creare ancora più difficoltà nella partita”.

L’idea Scudetto la mettete nel cassetto?
“Dobbiamo tornare a giocare come sappiamo e farlo il prima possibile. Nelle ultime due settimane le prestazioni non sono state quelle che ci aspettavamo e che potevamo fare. Cercherò anche io di parlare meno e lavorare di più”.

Zaniolo può servire?
Non lo so. Parliamo della partita, poi altre cose si vedranno nei prossimi giorni”.

C’è un problema di approccio alla partita?
“E’ uno dei problemi. Non l’unico, ma uno dei problemi”.

Le manca Ibrahimovic?
“Troppo facile adesso. Non vogliamo avere né alibi né giustificazioni. Mi rendo conto che per i ragazzi è un momento delicato: avranno il mio supporto e sostegno, vorranno sicuramente tornare presto competitivi”.

Fonte: Tuttomercatoweb

Milan News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right