Altre News

Gazzetta: caso Mourinho-Serra, il procuratore della FIGC ha gli audio che potrebbero essere decisivi

Il procuratore ha a disposizioni alcuni file registrati utili per comprendere meglio la questione

Photo LiveMedia/Ettore Griffoni Udine, Italy, January 04, 2023, italian soccer Serie A match Udinese Calcio vs Empoli FC Image shows: The referee of the match Marco Serra LiveMedia – World Copyright

Dopo il colloquio di ieri tra José Mourinho e il procuratore federale Chiné e l’audizione in video-call di Serra che avverrà oggi da Coverciano, la decisione in merito al ricordo presentato dalla Roma per la squalifica di due giornate comminata nei confronti dell’allenatore portoghese in seguito all’espulsione avvenuta contro la Cremonese per lo scontro tra il tecnico e il quarto uomo della sfida, avrà tempi molto rapidi. 

Secondo La Gazzetta dello Sport saranno determinanti alcuni audio in possesso dello stesso Chiné. Il procuratore ha a disposizioni alcuni file registrati utili per comprendere meglio la questione. José Mourinho ha dichiarato davanti alla Procura che Serragli avrebbe detto prima “Fatti i cazzi tuoi” davanti alla sua richiesta di spiegazioni per un fallo non fischiato ai danni di Kumbulla e poi dopo l’espulsione lo avrebbe “accompagnato” all’uscita dicendo: “Ti stanno prendendo tutti per il culo: vai a casa!”. 

Gli audio in mano a Chiné non arrivano direttamente dal microfono di Serra che in quel momento era “chiuso”, ma potrebbero arrivare da quello dell’arbitro Piccinini che invece poteva essere regolarmente aperto. Oppure potrebbero provenire da Dazn, col bordocampista che era a pochi passi dai due nel momento dello scontro verbale. Sicuramente saranno determinanti. In giornata verrà discusso il ricorso con la possibilità che la squalifica venga annullata come da richiesta degli avvocati del club dei Friedkin, che puntano ad ottenere l’annullamento anche per permettere a Mourinho di essere presente in panchina contro la Juventus.

Fonte: TMW

LEGGI ANCHE, Inchiesta Juve, l’ex Lombardo: “Documenti in una valigetta. Paratici mi chiamava anche di notte”

Roma News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right