Approfondimenti

Euro 2024, Italia e Spagna una contro l’altra per il quinto Europeo consecutivo: dal ‘massacro’ di Kiev alla semifinale di Wembley

Sarà ancora una volta Italia-Spagna. Da Euro 2008 ad oggi le due compagini si sono incontrate durante ogni competizione UEFA

Poco più di 24 ore separano Italia e Spagna dall’appuntamento con la storia. Il 41esimo Derby del Mediterraneo avrà luogo alle ore 21 di domani, giovedì 20 giugno, all’Arena AufSchalke di Gelsenkirchen ed in palio potrebbe già esserci la qualificazione agli ottavi di finale.

Un vero e proprio ‘clasico‘ del calcio del Vecchio Continente, che si giocherà per la quinta edizione consecutiva del campionato Europeo. Nelle precedenti sfide dal 2008 ad oggi, 6 in totale, considerando che nell’estate del 2012 Iberici e Azzurri si trovarono sia durante la fase a gironi, sia nella finalissima, il bottino è stato equamente spartito tra le due pretendenti: 2 vittorie per la Spagna, 2 vittorie per l’Italia e 1 pareggio.

Ad Euro 2008 la nazionale nostrana, allora Campione del Mondo in carica e guidata da Roberto Donadoni, affrontò la Spagna ai quarti di finale, uscendo sconfitta soltanto dopo la lotteria dei calci di rigore contro l’armata di Luis Aragones, che appena 7 giorni dopo avrebbe alzato al cielo il trofeo, grazie alla rete di Torres contro la Germania.

Ad Euro 2012 le due compagini si incrociarono addirittura due volte, sia nell’atto inaugurale che in quello conclusivo delle rispettive campagne europee: la gara d’esordio nella fase a giorni terminò sul punteggio di 1-1, con l’Italia che passò in vantaggio grazie a Di Natale ma si vide recuperare dopo soli 3 minuti da Fabregas. La finalissima di Kiev resta ancora oggi una delle più pesanti debacle subite dalla Nazionale Azzurra: un 4-0 senza storia che valse alle Furie Rosse di Del Bosque una nuova coppa in bacheca, appena 4 anni dopo il successo in Austria.

Ad Euro 2016 il tabellone mise nuovamente Spagna e Italia l’una di fronte all’altra, questa volta agli ottavi di finale. Chiellini apre le danze e Graziano Pellè chiude il discorso durante i minuti di recupero; è 2-0 ed il capolavoro di Conte è servito. Anche il precedente più recente sorride all’Italia: il trionfo degli uomini di Mancini nel 2021 passò dalla vittoria in semifinale, maturata ai calci di rigore, sulla Roja targata Luis Enrique.

LEGGI ANCHE, Juventus, Rabiot: “Pensavo che il mio futuro si sarebbe deciso prima dell’Europeo. Thiago Motta? Ottima scelta”