Altre News

Spalletti furibondo: “Io parlo con i giocatori, qual è il problema?”. Poi è arrivato il chiarimento

Spalletti ha sbottato ieri dopo il passaggio del turno

Fonte foto: figc.it

Scrive TMW, Luciano Spalletti ha letteralmente sbottato ieri sera in conferenza stampa dopo il passaggio del turno. Il commissario tecnico ha risposto in malo modo al giornalista di ‘Radio 24’ Dario Ricci che gli aveva chiesto se la formazione scelta per sfidare la Croazia, un 3-5-2 diverso dai precedenti 4-2-3-1, fosse figlio di un patto con i calciatori: “Io ci parlo coi calciatori, qual è il problema? E’ un patto per gli altri? Questa è una cosa che le hanno detto, però non si prenda delle licenze che non sono sue, sono debolezze di chi racconta le cose. C’è un ambiente interno e un altro esterno e se nell’ambiente interno c’è chi racconta le cose non vuole bene alla Nazionale. Qual è la qualità della scoperta in questo caso qui? E’ una cosa normalissima. Io ho fatto la tesi a Coverciano sul 3-5-2, poi gliela faccio vedere. Patto perché?

“Voi avete detto a me che era il girone della morte, non l’ho detto io. La Spagna è fortissima, la Croazia è fortissima, è gente abituata a questo tipo di partite qui. Per me quando si scende sotto il livello minimo è perché si sente il morso della pressione, però intanto fino a questo punto qui sono sempre cresciuti dal mio punto di vista. Poi io più che un patto torno a parlare dei calciatori e c’è da cambiare da una partita all’altra”.