News

Bonucci, la clamorosa rivelazione: “Ho lasciato la Juve perché qualcuno ha deciso così. E’ stato un gioco di potere”

Le eclatanti rivelazioni dell’ex 19 bianconero sulla separazione con la Vecchia Signora

Photo LiveMedia/Phs Agency/PHS , Italy, August 15, 2022, italian soccer Serie A match Juventus FC vs US Sassuolo – Serie A 2022/23 Image shows: Leonardo Bonucci of Juventus FC warms up during the Serie A 2022/23 match between Juventus FC and US Sassuolo at Allianz Stadium on August 15, 2022 in Turin, Italy LiveMedia – World Copyright

Leonardo Bonucci, ex difensore della Juventus e della Nazionale Italiana è intervenuto al podcast YouTube “Passa dal Bsmt“, svelando dei clamorosi retroscena riguardanti l’addio ai colori bianconeri ed il rapporto con Giuntoli e Allegri.

FERITA APERTA –Sicuramente è una ferita che rimarrà perché quando dai tanto, ti aspetti anche tanto. E devo dire che la Juve a me ha dato tanto, però chiudere in questa maniera è stato veramente un colpo che mai mi sarei aspettato. Che mi ha fatto male. Perché ancora oggi parlarne mi dà un po’ di dispiacere. Vedo altri giocatori che hanno giocato alla Juventus che hanno fatto meno di me ricevere il giusto tributo e io me ne sono dovuto andare quasi scappando perché qualcuno aveva deciso che doveva andare così. È stata la manifestazione di potere di un singolo che non meritavo, perché io se fossero stati chiari avrei anche accettato di andare. Se tutti avessero detto l’anno prima ‘Guarda, qua è finita’, invece a me hanno detto “Guarda, noi abbiamo delle priorità rispetto a te, però averti nel gruppo è importante

GIOCO DI POTERE – “Poi dopo mi sono ritrovato con Giuntoli che era appena arrivato e quindi non aveva possibilità di fare diversamente e mi ha detto “Guarda, non sei più nei piani. Sei fuori rosa”. All’inizio mi sembrava quasi uno scherzo, dopo più di 500 partite ricevere il benservito in questa maniera… Invece era tutto reale. Non so ancora oggi darmi una spiegazione. O meglio, la spiegazione la so. È stato un gioco di potere. Prima che Giuntoli mi comunicasse la decisione, io l’avevo già annusata. Cominciavano ad uscire degli articoli che un po’ lanciavano il segnale e infatti quando ricevetti la chiamata da Manna che mi avvisava che sarebbero venuti a casa per parlarmi, parlando con mia moglie le dissi ‘Guarda, vengono perché sta succedendo qualcosa che non ci aspettavamo“.

ALLEGRI –Dopo 8 anni insieme poteva chiamarmi per risolvere la situazione. Anche quand’ero al centro sportivo non c’è mai stato un confronto. Come se per lui fossi un estraneo. Abbiamo caratteri diversi, ci siamo confrontati, abbiamo discusso, litigato, ma io l’ho fatto anche con altri allenatori. In un rapporto umano un minimo di rispetto e di riconoscenza ci debba essere. Bastava che lui fosse chiaro sin dall’inizio. La decisione di farmi fuori poteva benissimo comunicarmela la società, ma un confronto dopo tutti gli anni insieme sarebbe stato il minimo. Ma viviamo nel calcio, ci sarà modo di incontrarci. Se capiterà ne parleremo…”

LEGGI ANCHE, Sky Sport: “Calafiori-Arsenal, ballano 10mln con il Bologna. Il Basila ha il 50% sulla rivendita del difensore”