#--

Rolando

PARTITE

GOAL

TIRI IN PORTA

GOAL DA TITOLARE

GOAL DA SUBENTRATO


26

Anni

183

Altezza

--

Piede preferito

Centrocampista

Ruolo

38

Maglia

CONTRATTUALIZZATO

--

Fino al --

STIPENDIO

1.3M

Euro all'anno

--

Media voto

--

Media fantavoto

QUOTAZIONE

--/--

Iniziale/Attuale

Presenza

--

Status

Bonus Malus

0

Somma bonus malus

Difesa

CONTRASTI

3

Contrasti vinti

2

Contrasti persi

1

DUELLI

26

Duelli vinti

8

Duelli persi

7

DUELLI AEREI

11

Duelli aerei vinti

6

Duelli aerei persi

5

Distribuzione

DIREZIONE PASSAGGIO %

35 %

Avanti

22 %

Sinistra

24 %

Destra

17 %

Indietro

175

Passaggi totali


150

Passaggi riusciti


35

Passaggi ogni 90'

Passaggi

Passaggi lunghi

PRECISIONE DI PASSAGGIO PER AREA %

59 %

Zona avversaria

40 %

Zona propria

0

Assist

0

Passaggi chiave

Disciplina

0

Cartellini gialli

cartellini giallo e rosso

0

Cartellini rossi

5

Falli subiti

2

Falli fatti

Attacco

Tiri totali

3

Tiri in porta

2

Goal segnati

1

0.33%

Tasso di conversione

329

Minuti per obiettivo

1

Goal in area

0

Goal fuori area

Goal piede sinistro

0

goal icon

Goal piede destro

0

goal icon

Goal di testa

1

goal icon

Altri

0

goal icon

Scheda tecnica

tecnica

Forza

7

Resistenza

9

Velocità

4

Scatto

5

Rapidità

5

Agilità

6

Coordinazione

8

Elevazione

6

Arresto

6

Sensibilità

7

Passaggio breve

8

Lancio

7

Cross

6

Tiro

7

Dribbling

6

Progressione con la palla

6

Stop / Ricezione

7

Gioco di testa

7

Controllo orientato

7

Smarcamento

6

Difesa e copertura palla

5

anima

Visione di gioco

8

Rifinitura

4

Senso del goal

4

Creatività

6

Transizioni positive

6

Posizionamento in relazione alla palla

6

Marcatura

6

Contrasto (1:1 difensivo)

8

Anticipo

6

Intercettamento

6

Difesa della porta

6

Transizioni negative

6

Leadership

8

Agonismo

7

Fair Play / Disciplina

6

Spirito di squadra

8

Spirito di sacrificio

8

Continuità

8

Intraprendenza

6

Autocontrollo

6

Temperamento

7

Redazione Goalist

Rolando Mandragora è un giocatore classe ’97 (24 anni), attualmente giocatore del Torino. Mandragore è un centrocampista centrale difensivo, ideale per giocare come perno basso in un centrocampo a 3, ma dal mio punto di vista potrebbe giocare anche come centrocampista centrale in un centrocampo a 2. Attualmente, Mandragora sta cercando di recuperare il prima possibile da un’infortunio al menisco del ginocchio destro che lo ha portato a subire un’operazione, infortunio subito durante la partita in trasferta contro il Napoli.
Fisicamente, Mandragora è alto 183 cm ma, nonostante una stazza non molto elevata, ha un’ottima forza fisica che gli permette di essere decisivo in fase di recupero palla. Il centrocampista granata è dotato di una grandissima resistenza fisica che gli permette di tenere alti livelli di performance fisica durante tutto l’arco della gara. Grazie alla sua forza fisica ed una buona elevazione, Mandragora riesce a vincere la maggior parte dei contrasti aerei durante una gara (in media affronta 2.8 contrasti aerei a partita vincendone la bellezza del 60%). Unico neo è la velocità in quanto, sia in fase di scatto che di progressione è lento.
Tecnicamente, Mandragora è un giocatore abbastanza completo: in media effettua 45.84 passaggi corti a partita con un’accuratezza del 86.6% e gioca, sempre in media, 3.63 passaggi lunghi a partita con un’ottima percentuale di successo del 53.8%. In campo non è un giocatore che dribbla molto (in media 1.12 dribbling a partita con una percentuale del 50% di successo); mentre per quanto riguarda il tiro, tira in media 1.68 volte a partita (che è una buona statistica per un vertice basso di centrocampo e che denota una confidenza con questo fondamentale) prendendo lo specchio della porta nel 33.3% delle volte. Per quanto riguarda il tiro, Mandragora arriva spesso alla conclusione soprattutto da fuori area in quanto è dotato di un sinistro molto forte che, quando arriva nello specchio della porta, mette in seria difficoltà il portiere avversario e che lo ha portato in carriera a segnare complessivamente 8 reti (2 delle quali però non per il tiro dalla distanza).
Tatticamente, Mandragora ricopre egregiamente il ruolo di centrocampista difensivo nel 3-5-2 del Torino: in fase di possesso, quando il Torino costruisce da dietro è incaricato di far girare palla portando palla da una fascia all’altra, spesso anche con un cambio di gioco, mentre in fase di rifinitura della squadra, di solito si trova fuori l’area di rigore per recuperare eventuali palloni respinti dalla difesa avversaria oppure calciare in porta, mentre più raramente si inserisce in area di rigore. In fase di non possesso, Mandragora si posiziona davanti alla difesa dando una mano ai centrali di difesa, è molto abile nell’1vs1 in fase difensiva ed è nella maggior parte dei casi ben posizionato (in media recupera 6.85 palloni a partita intercettandone in media 3.07 a partita); mentre invece può e deve essere più attento sugli inserimenti dei centrocampisti avversari.
Psicologicamente, Mandragora è un calciatore che ha un buon livello di leadership (tanto è vero che è il vice capitano), ed è sempre a supporto morale dei compagni di squadra andando ad incitarli anche quando sbagliano. Sotto il punto di vista della disciplina, essendo un vertice basso di centrocampo affronta diversi contrasti e quindi può capitare di commettere qualche fallo di troppo ricevendo diversi cartellini in una stagione: sotto questo punto di vista, Mandragora durante gli anni è sicuramente migliorato in quanto, durante gli anni, ha ridotto notevolmente il numero di cartellini subiti a fine stagione (anche se quest’anno non è partito col piede giusto in quanto in 8 presenze aveva già subito 3 ammonizioni).
In conclusione, Mandragora è un giocatore che attualmente è un punto di riferimento nel centrocampo del Torino e che, con le dovute correzioni in fase di non possesso, potrebbe diventare un giocatore completo che potrebbe arrivare a fare un’importante salto di qualità nella sua carriera grazie anche alle sue ottime doti tecniche. Nel panorama italiano del resto, non ci sono attualmente molti giocatori con queste doti ed, avendo ancora un’età relativamente giovane, migliorando (e potenzialmente sicuramente ha la qualità per poterlo fare), può sicuramente aspirare ad avere una carriera di successo nella massima serie, arrivando più in la ad essere anche un punto di riferimento di squadre blasonate.


!-->

Comparazione

immagine giocatore immagine giocatore

Mandragora vs De Ketelaere

5

partite

1

goals

329 per goal

2

tiri in
porta

50%

precisione

329

minuti giocati

298

0

assist

2

4

OCCASIONI CREATE

7

3

TIRI TOTALI

6

2

tiri in porta

3

1

goal segnati

1

0

goal rigore

0

5

partite

1

goals

298 per goal

3

tiri in
porta

33%

precisione


!-->