Altre News

Inzaghi sulla sconfitta a Udine: “L’Udinese è partita meglio e ha meritato la vittoria, dobbiamo meditare su questa brutta sconfitta”

Queste le dichiarazioni di Inzaghi ai microfoni di Sky nel post partita

Inzaghi
Photo LiveMedia/Alessio Marini Udine, Italy, September 18, 2022, italian soccer Serie A match Udinese Calcio vs Inter – FC Internazionale Image shows: Inter’s Head Coach Simone Inzaghi LiveMedia – World Copyright

Sconfitta pesante per l’Inter di Simone Inzaghi, che ai microfoni di Sky analizza il 3-1 subito in casa dell’Udinese, a partire dal contestato doppio cambio alla mezz’ora: “Perché erano ammoniti, l’Udinese vinceva tutte le seconde palle, i duelli ed eravamo in difficoltà. Volevo dare una scossa. Hanno pagato loro due perché erano ammoniti, ma avrebbero dovuto pagare tutti. L’Udinese è partita meglio e ha meritato la vittoria, dobbiamo meditare su questa brutta sconfitta”.

Tornano alcuni difetti.
“Vero, non riusciamo a dare continuità. Venivamo da due vittorie, ora sono tre trasferte di fila dove andiamo in vantaggio e poi perdiamo 3-1. Il responsabile principale sono io perché sono l’allenatore, però sarà motivo di analisi. Sapevamo cosa poteva fare l’Udinese e dovevamo fare di più”.

Sono tornate anche le difficoltà difensive, a partire dal primo gol dell’Udinese.
“Nelle ultime tre trasferte abbiamo preso nove gol, l’anno scorso li abbiamo subiti in un girone intero. Sono errori individuali e collettivi, dobbiamo metterci più determinazione, perché le seconde palle contro queste squadre vanno vinte. E poi hai la fortuna di andare in vantaggio dopo quattro minuti, non puoi fare una partita così. Anche nel secondo tempo, abbiamo chiuso solo 1-1: siamo partiti meglio, ma abbiamo concesso nove calci d’angolo. Ci sta che al nono ti facciano gol, dobbiamo meditare molto perché questa sconfitta fa male”.

Sente la fiducia dello spogliatoio? Ci sono strascichi della stagione scorsa?
“Strascichi no, abbiamo fatto una stagione molto molto positiva, con due trofei e uno scudetto giocato fino all’ultima giornata. È normale che quando sei l’Inter e perdi tre partite su sette si fanno tanti ragionamenti. La prestazione di oggi ci lascia perplessi, fermo restando che sono io il primo responsabile: devo fare di più e meglio”.

Ma che spiegazione si dà? “Dovevamo vincere più duelli ed essere più determinati”.

La percezione è che i suoi tre centrocampisti siano disinteressati alla fase difensiva. Così si spiegherebbero tanti gol. È una questione fisica o una questione di approccio?
“C’è un concorso di colpe. Adesso fermarmi a guardare i centrocampisti sia riduttivo: quando si subisce gol è colpa di tutta la squadra. Ci sono errori individuali e collettivi: sull’1-1 abbiamo concesso una punizione colpa nostra, sul 3-1 è saltata la marcatura. Siamo l’Inter e non possiamo permettercelo”.

Al rientro si parte con Roma e Barcellona. Mancherà Brozovic nella prima, cosa spera di ritrovare nella sosta?
“Qualche certezza… Speriamo che non ci siano problemi con tutti i giocatori fuori con la nazionale, noi rimarremo a lavorare con quattro giocatori di movimento più due portieri e tanti ragazzi della Primavera. Aspetteremo chi andrà fuori per riflettere su cosa non ha funzionato”.

Fonte: Tuttomercatoweb

arrow-left
arrow-right

Gerard Deulofeu

Redazione Goalist

Un palo, mille accelerazioni, due assist al bacio, tantissimi applausi: è lui l'uomo copertina dell'Udinese spettacolo di Sottil.
Leggi di più arrow-right

Isaac Success

Redazione Goalist

Nella ventina di minuti in cui è in campo non ha molti palloni per mettersi in mostra ma è comunque utile per come fa da punto di riferimento in attacco.
Leggi di più arrow-right

Jaka Bijol

Redazione Goalist

Il primo gol in Serie A arriva al termine di una partita nella quale non ha sbagliato praticamente nulla, limitando Dzeko e Lautaro e chiunque passasse dalle sue parti.
Leggi di più arrow-right

Tolgay Arslan

Redazione Goalist

Entra, fa sentire i muscoli in mezzo al campo e trova anche la gioia del gol che chiude i conti.
Leggi di più arrow-right

Marco Silvestri

Redazione Goalist

Un solo intervento ma risolutore su Bastoni quando la partita era ancora in equilibrio. Per il resto controllo della situazione senza sudare troppo.
Leggi di più arrow-right

Rodrigo Becão

Redazione Goalist

Passare dalle sue parti è un esercizio sconsigliabile perché si rischia seriamente di fare brutta figura. Chiude tutti i varchi possibili e anche qualcuno non possibile.
Leggi di più arrow-right

Destiny Udogie

Redazione Goalist

Il duello con Dumfries non lo vede quasi mai battere l'avversario, anzi finisce spesso per andare in affanno; anche in fase d'attacco si vede poco e male.
Leggi di più arrow-right

Nicolò Barella

Redazione Goalist

La punizione con cui apre le danze è magistrale e viene in parte mitigata dalla poca lucidità con cui spesso si muove in mezzo al campo.
Leggi di più arrow-right

Roberto Pereyra

Redazione Goalist

Qualità e corsa sulla fascia destra in appoggio a Lovric per mandare in tilt Mkhitaryan e a Deulofeu per mandare nel panico Bastoni.
Leggi di più arrow-right

Kingsley Ehizibue

Redazione Goalist

Resta più coperto rispetto a Pereyra senza spingere troppo, dando priorità a coprire la propria fascia.
Leggi di più arrow-right

Lazar Samardzic

Redazione Goalist

Poco appariscente ma dà il suo contributo sia nei break offensivi che nel tenere compatta la mediana quando l'Inter tenta, inutilmente, l'affondo.
Leggi di più arrow-right

Jean-Victor Makengo

Redazione Goalist

Il suo compito è quello di far legna e quello lo fa bene come spesso gli capita. Pecca ogni tanto di cattivo posizionamento ma riesce a cavarsela.
Leggi di più arrow-right

Sandi Lovric

Redazione Goalist

Meno preciso di altre partite ma ugualmente dà il proprio contributo al centrocampo con determinazione e costanza.
Leggi di più arrow-right

Samir Handanovic

Redazione Goalist

La parata su Walace ancora sull'1-1 è l'unico intervento degno di nota della sua partita: gli basta comunque per strappare una sufficienza perché va a bilanciare le sbavature sui...
Leggi di più arrow-right

Matteo Darmian

Redazione Goalist

Si guadagna la punizione da cui nasce il gol di Barella, affronta a testa alta il duello con Pereyra e prova anche a dare un po' di vivacità ad una squadra in difficoltà.
Leggi di più arrow-right

Federico Dimarco

Redazione Goalist

Un po' più vivo e vispo rispetto ai compagni, sia quando si piazza nel terzetto difensivo sia quando viene spostato più avanti sulla sinistra. Nulla di che, intendiamoci, ma nel ...
Leggi di più arrow-right

Denzel Dumfries

Redazione Goalist

Ogni tanto bene, ogni tanto male, ogni tanto benissimo, ogni tanto da mandare in tribuna seduta stante. Non sai mai cosa aspettarti da lui.
Leggi di più arrow-right

Joaquín Correa

Redazione Goalist

Riassumere la sua partita è esercizio molto semplice: non ne azzecca una che sia una.
Leggi di più arrow-right

Henrikh Mkhitaryan

Redazione Goalist

Soffre tantissimo il dinamismo dei centrocampisti avversari, non fa filtro e non aiuta l'uscita dal basso. Ammonito, sostituito dopo 30 minuti.
Leggi di più arrow-right

Nehuén Pérez

Redazione Goalist

Un gradino sotto i suoi compagni di reparto, sia per il fallo da cui nasce la punizione di Barella sia per qualche sbavatura di troppo quando la palla arriva dalle sue parti
Leggi di più arrow-right

Roberto Gagliardini

Redazione Goalist

Chiedergli di dare qualità alla manovra è come pretendere ad una lumaca di correre a 100 all'ora. Il problema è che non riesce a dare neanche un contributo accettabile in termin...
Leggi di più arrow-right

Marcelo Brozovic

Redazione Goalist

In grande difficoltà nell'uscita dal basso sul pressing degli avversari, pecca poi di lucidità quando ha spazio per poter impostare. Ammonito, salterà la Roma dopo la sosta.
Leggi di più arrow-right

Danilo D'Ambrosio

Redazione Goalist

Finisce presto anche lui nel gorgo negativo di un pomeriggio per lo più da dimenticare per i nerazzurri.
Leggi di più arrow-right

Walace

Redazione Goalist

Partita poco costante, con qualche buono spunto ma anche qualche svarione di troppo soprattutto in fase di non possesso.
Leggi di più arrow-right

Edin Dzeko

Redazione Goalist

Farsi notare per qualche sponda di testa o di piede non può bastare per strappare la sufficienza. Di fatto una mano vera alla sua squadra non riesce a darla.
Leggi di più arrow-right

Alessandro Bastoni

Redazione Goalist

Gli avversari lo puntano con regolarità e l'affanno è continuo, a nulla serve aver impegnato Silvestri nell'unica sortita offensiva. Ammonito, sostituito dopo 30 minuti.
Leggi di più arrow-right

Francesco Acerbi

Redazione Goalist

Nonostante Beto non sia in grande giornata, la sua è una gara di imprecisioni e disattenzioni che non aiutano a tenere la barra dritta.
Leggi di più arrow-right

Beto

Redazione Goalist

Lotta e si sbatte, su questo non c'è dubbio: tuttavia il suo apporto alla causa non va molto al di là di qualche duello individuale vinto e qualche pallone smistato ai compagni.
Leggi di più arrow-right

Lautaro Martínez

Redazione Goalist

Contro la difesa dell'Udinese così attenta e concentrata va a sbattere ripetutamente senza costrutto. Pochi palloni giocabili, tutti ciccati.
Leggi di più arrow-right

Milan Skriniar

Redazione Goalist

Al netto dell'autorete, nella quale c'è una componente di sfortuna, la sua è una partita di errori, svarioni, difficoltà con tipologie diverse di avversari.
Leggi di più arrow-right

Stefan de Vrij

Redazione Goalist

Dieci minuti in campo più che sufficienti per regalare all'Udinese il gol del 2-1, prima cincischiando e concedendo il corner poi dormendo in marcatura su Bijol.
Leggi di più arrow-right

Inter News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right