Altre News

Ranocchia lascia il calcio: “Dentro di me non c’era più niente, si è spento l’interruttore”

Dopo aver risolto il contratto con il Monza, l’ex difensore ha comunicato la decisione: “Qualcosa non tornava già dalla scorsa stagione, si è spento l’interruttore”

Photo LiveMedia/Luca Rossini Monza, Italy, August 07, 2022, Italian football Coppa Italia match AC Monza vs Frosinone Calcio Image shows: Andrea Ranocchia (AC Monza) LiveMedia – World Copyright

A poco più di un giorno dalla risoluzione del contratto con il Monza, Andrea Ranocchia ha ufficialmente dato l’addio al calcio giocato. L’ex difensore dell’Inter lo ha fatto tramite un messaggio via social rivolto ai suoi tifosi. “Qualcosa non tornava già dalla scorsa stagione, è come se si fosse spento l’interruttore. Non ho più niente da dare dentro di me”, ha confessato Ranocchia.

“So che tanti di voi avranno letto la notizia della rescissione col Monza e per darvi una spiegazione eccomi qua, ci tengo a farla arrivare dalla mia voce. Quando ho iniziato a giocare a calcio, ormai 30 anni fa, ho iniziato con grandissima passione ed era la cosa che mi piaceva di più al mondo, ho iniziato qui da Bastia Umbria e ci sono stati momenti bellissimi in cui si diverte giocando a calcio. Non ho mai pensato a dove sarei potuto arrivare da bambino e ho avuto la grandissima fortuna di trasformare la mia passione nel mio lavoro. Sono stato a contatto con tantissime persone e mi porterò dentro tantissime di queste esperienze. Ho avuto la bravura e la fortuna di poter attraversare ogni tipo di esperienza e dopo tanti step, dopo tanti momenti, di tutti i tipi, ho avuto la fortuna di incontrare un allenatore, Pietro Montanelli, che mi ha scoperto come difensore e mi ha trasformato nel calciatore che ero fino a ieri. Ringrazio tutti gli allenatori che ho avuto, vi ho pensato in questi giorni”, le sue parole.

Su Conte: “Mi ha trasformato: è un allenatore che ti assorbe e ti cambia il modo di pensare, mi ha trasformato in un vincente. E’ un allenatore che quando ti lascia, non sei più quello di prima. Ho avuto la fortuna di conoscerlo e da lì è iniziata la mia carriera ad alti livelli. Ho passato momenti molto belli, poter dire di aver giocato contro grandi campionati è un orgoglio per me. Ho sempre dato tutto e ringrazio tutta la mia famiglia per il supporto che mi hanno dato, per le gioie”.

Sull’addio al calcio: “Da un anno e mezzo sto vivendo un periodo difficile, a livello motivazionale, già quando ero all’Inter. Il Monza mi ha offerto questa opportunità, un ottimo contratto e l’ho colta. Ad un certo punto ho sentito che dentro di me non c’era più niente e ho iniziato a farmi tante domande, poi c’è stato questo brutto infortunio a Napoli e mi avrebbe tenuto fuori dal campo per mesi. Ho riflettuto e visto che la società mi ha dato grande fiducia, ho ritenuto giusto non prendere in giro nessuno. Non ho più niente da dare dentro di me e con Galliani ci siamo lasciati da amici, è stato un signore e ha capito. Ora mi prendo un po’ di tempo per rimettere in sesto queste emozioni che sono arrivare in questi mesi e fare dei pensieri per il futuro. Non tornerò a giocare a calcio, non è quello che voglio”.

Fonte: Sportmediaset.

Monza News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right

Andrea Ranocchia News

vai alle news arrow-right