News

Totti: “Dopo il ritiro mi sono sentito solo. Roma? Quando nel calcio non servi più non c’è rispetto”

“Del calcio mi manca tutto, ho passato trent’anni nella Roma. Un ruolo definito mi piacerebbe e con Mourinho, è il numero uno”

Fonte foto: piccolenote.it

Francesco Totti, ex calciatore della Roma, ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera:

Del calcio cosa ti manca?
«Tutto. Il ritiro, lo spogliatoio, la maglietta, la sala massaggi. Cavolate? No, erano la mia vita. Mi manca il bar e il caffè con i compagni di squadra, il viaggio in pullman da Trigoria allo stadio. Mi manca la routine che ha fatto la mia vita per decenni. Quando è finita le giornate si sono svuotate. Dopo mi sono sentito solo. Ma ci sta. Finiva una cosa che mi piaceva, che era la mia vita. Io però non pensavo che mi facesse così male smettere quella vita programmata, quella passione che nella mia mente avrei potuto continuare a vivere. Non ho accettato il distacco dal calcio».

E il modo in cui la Roma ti ha trattato?
«Io ho passato trent’anni nella Roma. Ho portato rispetto a tutti, rinunciato ad altri ingaggi senza farlo pesare. Ho detto no al Real e altri perché volevo quella maglia, solo quella maglia giallorossa che è stampata dentro di me. Il modo in cui è finita la mia storia con la Roma, sì, mi è dispiaciuto. La verità è che quando nel calcio non servi più non c’è più rispetto. Se Maldini, Del Piero, Baggio, io siamo fuori dal calcio significherà qualcosa, no?».

Mourinho ha detto che ti avrebbe voluto nella Roma. Ti piacerebbe?
«Certo che, con un ruolo definito, mi piacerebbe, per le ragioni che ho detto prima. E mi piacerebbe con Mourinho, è il numero uno, lo stimo molto. Mi dispiace non essere stato allenato da lui, nella mia carriera. Ma non voglio tornarci su. Non voglio chiedere. Alla Roma sanno che se hanno bisogno di me, per cose serie, mi fa piacere dare una mano. Altrimenti, amici come prima».

LEGGI ANCHE, POGBA PUNTA AL PATTEGGIAMENTO

Roma News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right