Arbitri e Moviola

Juve-Bologna, l’audio del VAR: “Sta fermo, guarda”. Rocchi lo bacchetta: “Check superficiale”

L’AIA ha svelato l’audio del VAR in Juve-Bologna. Ecco come è andata

Scrive Sportmediaset, “Non sospendo Di Bello, io non metto in croce nessuno”. Intervenuto da Coverciano Gianluca Rocchi, designatore degli Aia, è tornato sul discusso episodio con al centro Ndoye nel recentissimo Juve-Bologna. Al centro il mancato rigore assegnato ai felsinei per un fallo apparso ai più netto a due passi dalla porta. Ma il clou è arrivato poco dopo, quando ai presenti i vertici dell’Associazione italiana arbitri hanno reso pubblici i dialoghi dello stesso Di Bello con il Var Forneau e l’Avar Nasca.

“Possibile rigore” la prima uscita di Forneau subito dopo il fallo Iling-Junior. Poco dopo lo stesso Forneau chiede ai tecnici di mostrare altre angolazioni per capire meglio l’accaduto. Qui poi succede l’inspiegabile: il fischietto 39enne dice “No, sta fermo, guarda” in merito all’esterno bianconero. “Per me no” prosegue Nasca. Tutto liquidato in pochi secondi e concluso con “Check completato, non c’è nulla”.  

“C’è stato un errore di valutazione per un check superficiale” il commento di Rocchi sull’accaduto. “La prima responsabilità è mia che ho mandato Di Bello a Torino, lui è un top nella categoria, metterlo in croce non va bene – ha aggiunto -. Noi siamo consapevoli e i primi ad essere dispiaciuti quando sbagliamo, altri errori ci saranno, non siamo infallibili come qualcuno vorrebbe pensare. Non è questo il messaggio che deve passare”. Non sospendo Di Bello perchè non sospendo gli arbitri per questioni tecniche, purtroppo ho dovuto farlo per questioni comportamentali e disciplinari. Farà uno o due turni al massimo ma ho bisogno di lui perchè la stagione è lunga”.

LEGGI ANCHE, Zapata: “Per il Torino posso essere decisivo, ho voglia di far bene. Obiettivo segnare tanti gol”

Juventus News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right