Gossip nel pallone

Bonucci, il post d’addio della moglie alla Juve: “Neanche uno squallido ultimo abbraccio”

Martina Maccari scrive al club dove il marito ha giocato per 13 anni: “Siamo state amiche e abbiamo condiviso la passione per lo stesso uomo. Tu hai sempre vinto e per questo ti ho anche odiata”

Cosa ci rimane quindi? Nemmeno un squallido, ultimo, abbraccio. È in una mattina di pioggia torinese che dovevo venirti a guardare. Perché guardarti mi fa credere che per un momento, forse, tu possa sentirmi“. Martina Maccari, moglie di Leonardo Bonucci, affida ad un post su Instagram gli ultimi pensieri per la Juventus, il club dove il difensore – ora accasatosi all’Union Berlino – ha militato per 13 anni e dal quale si è separato in maniera burrascosa nell’ultima sessione di mercato.

I pensieri scorrono veloci in quella che sembra una vera e propria lettera ad un’amica storica: “13 anni. Per tredici lunghi anni Tu ed Io siamo state Amiche. E Tu lo sai. Di quelle che una è più grande e una è più piccola, una è amata da tutti e l’altra deve invece faticare per trovare il suo spazio. Amiche trascinate per passione, anche all’antagonismo. Amiche che non si scelgono ma che la vita avvicina, chissà per quale strano disegno… Tu ed Io abbiamo condiviso la passione per lo stesso uomo, e tu (adesso posso confessarlo) hai sempre vinto. Sei stata Tu, sempre, il primo pensiero, Tu quella della priorità, ed Io quella del tempo che rimane. Sei sempre stata quella che c’è anche quando non la vedi… Proprio come le Amiche che ti fanno sentire sempre un po’ in ombra, ma che alla fine ti fanno sentire protetta. Quelle che sai di essere seconda ma dopo una prima irraggiungibile. Quelle che la guardi e trovi sempre l’ispirazione giusta. Anche quando le cose vanno male Lei è in grado di passare la giusta ispirazione e Tu, sei lì a stupirti ogni volta“. 

La moglie di Bonucci scrive alla Juventus: “Pensavo saremmo rimaste fedeli per sempre. Ma non cambierò strada incontrandoti”

Una presenza costante nella vita del marito, e per questo vissuta anche come ingombrante dalla Maccari: “È per questo, forse, che in questo mio amore assorbito per osmosi, ti odiata spesso continua la lettera. “Ti ho odiata nell’ombra della solitudine a cui mi costringevi con cadenza programmata, calendarizzata. Oltre l’orizzonte dei sentimenti incontrollabili come l’amore e l’odio, avevo certezza però che saresti stata un faro per sempre. Quella della cosa giusta al momento giusto, anche fosse l’ultimo momento, quello agli sgoccioli del tempo a disposizione. Pensavo che nonostante la vita ed i meccanismi normali del corso del tempo che conosciamo benissimo, avremmo continuato a riconoscerci. Pensavo saremmo state fedeli per sempre ad una storia che parla di vita, di dare e prendere, di sacrificio e riconoscenza, di lavoro e amore, una storia di vita che parlava di un patto di cura. Oltre il moderno tritacarne, pensavo avremmo continuato a curarci l’una con l’altra. Mi dispiace tanto. Non cambierò strada incontrandoti. Ai patti io tengo fede. Perdendo tanto, rinunciando anche a quello che per tanti anni ci siamo contese. Buona Vita“.

Juventus News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right