Commenti post partita

Inzaghi: “Inter paziente, squadra lucida e matura. Meritavamo il gol prima. Lukaku? Non ci siamo visti”

Le parole di Inzaghi a DAZN

Photo LiveMedia/Fabrizio Carabelli Milan, Italy, May 13, 2023, italian soccer Serie A match Inter – FC Internazionale vs US Sassuolo Image shows: Simone Inzaghi Head Coach of FC Internazionale looks on during Serie A 2022/23 football match between FC Internazionale and US Sassuolo at Giuseppe Meazza Stadium, Milan, Italy on May 13, 2023 LiveMedia – World Copyright

Scrive TMW, l’analisi di Simone Inzaghi, tecnico dell’Inter, ai microfoni di DAZN dopo la vittoria con la Roma. “Thuram deve continuare a lavorare come lavora giornalmente, con la stessa voglia ed è un ragazzo che cura molto i dettagli. Oggi ha fatto un’ottima partita, non semplice contro una squadra che si difendeva molto bene. Siamo stati pazienti, in queste gare possano arrivare dei problemi ma la squadra è stata lucida e matura. L’atmosfera qui a San Siro è sempre simile, ho fatto tante partite ed è sempre stata eccezionale. Stasera si sentiva ancora di più, ma contro ogni squadra l’atmosfera è sempre magica”.

C’è stata la volontà di isolare la squadra da questo contesto ambientale?
“Assolutamente, la squadra si è isolata. Abbiamo preparato la partita, la Roma non è solo Lukaku e ci siamo preparati su questo. I ragazzi sono stati lucidi, c’era il rischio dell’atmosfera ma sono contento della prestazione. Abbiamo fatto gol nel finale, probabilmente per quanto fatto lo meritavamo prima”.

L’Inter ha meritato di vincere, se questa squadra poteva avere un difetto era proprio la pazienza. Dal punto di vista mentale ha fatto quello step?
“Questa è la speranza, il tempo ed il campo darà la risposta. Per quanto riguarda queste prime partite devo fare un plauso ai ragazzi ma non siamo nemmeno ad un terzo del campionato. L’obiettivo primario è quello di fare tutte le partite possibili, ogni giorno abbiamo questo desiderio e vogliamo migliorarci lavorando tanto. Si gioca tantissimo ma dobbiamo continuare così”.


Fonte: profilo X Inter

Coraggioso nel secondo tempo nel cambiare Calhanoglu e Mkhitaryan, poi sempre più squadre marcano Bastoni.
“Per quanto riguarda Bastoni non sapevamo come giocava la Roma, uscendo Cristante da quella parte volevamo uscire maggiormente dalla sua parte perché El Shaarawy è più un attaccante. I ragazzi sono rimasti in partita eseguendo quello che gli avevamo chiesto. Ho cambiato Pavard pensandoci tanto, magari nella ripresa ci potevamo allungare. Volevo qualcosa di più in mezzo, Barella lo vedevo bene e ho deciso per gli altri due”.

Vi aspettavate questo Thuram?
“Tutti conoscevamo le qualità di Thuram, poi dopo la prima settimana avevamo capito che poteva togliersi delle soddisfazioni di squadra e a livello personale. Non avevamo dubbi, ha la fortuna di conoscere benissimo la lingua e si è inserito benissimo anche grazie ai suoi compagni”.

Vi siete detti qualcosa con Lukaku?
“Non ci siamo visti, ho già parlato di lui in estate e tutti quanti sanno cosa ho fatto per riportarlo e cosa avrei fatto per riaverlo qui. Poi ha preso questa decisione, io me ne sono fatto una ragione e l’avrei salutato senza nessun problema. Lo scorso anno abbiamo fatto un grande percorso, le scelte che faccio le faccio per il bene dell’Inter”.

LEGGI ANCHE, MOURINHO ATTACCA

Inter News

vai alle news arrow-right
arrow-left
arrow-right